Fai da te.. Raccogli e conserva i semi delle piante.

Raccogliere semi delle piante da fiore o da frutto è un operazione semplice ma  richiede delle precauzioni , una volta finita la raccolta dovremmo conservali nel miglior modo possibile, in questo articolo potrai trovare qualche consiglio!

La maggior parte delle piante coltivate in giardino o sul balcone durante i mesi estivi si riempiono di bellissimi fiori, regalando gioia e colore a tutti gli appassionati e non. Passato il periodo più propizio per le piante, si procede verso i mesi autunnali, periodo in cui perderanno vigore. Prima di questo periodo e dopo l’ultima fioritura della stagione verranno prodotti gli ovuli contenenti i semini, che una volta raccolti sarà necessario prepararli e conservarli con cura per avere il risultato sperato durante la  primavera successiva. Le piante possono produrre sementi durante tutti i mesi estivi, ma siccome questa operazione sottrarrà forza e vigore alla piantina stessa, è meglio rimuovere sempre i fiori secchi, aspettando la fine del periodo estivo, facendo essiccare la fioritura sugli steli per ottenere gli ovuli da raccogliere. Leggi anche: Manutenzione e cure estive

La raccolta, semplici consigli:

Avete deciso di recuperare i semi di una o più specie di piante, per coltivarla di nuovo l’anno successivo?

Una cosa importante da ricordare é quella che alcune piante acquistate nei vivai  potrebbero essere degli ibridi. Se riprodotte, c’è la possibilità che le piante saranno differenti da quelle madri. Più semplice sarà recuperare sementi di fiori propagati già per semina.

Una volta selezionate le piante da coltivare la prossima primavera, che hanno superato la fase di fecondazione, bisognerà munirsi di forbici per staccare gli ovuli facendo attenzione,  alcune specie basterà scuotere i steli per far fuoriuscire tutti i semi, che andranno dispersi ovunque. Possibilmente far essiccare bene la parte contenete i semini sulla pianta, in modo da estrarli più facilmente. Fare attenzione anche al maltempo, frequente a fine estate, quindi anche se gli ovuli non sono perfettamente secchi, ma pronti, recuperarli prima che pioggia e vento percuoteranno gli steli.

Per alcune specie di piante risulta complicato dividere i semi dal fiore, ad esempio la “celosia”, una pianta che produce numerosi fiori piumosi, saranno proprio al suo interno, quando il fiore comincia a seccare renderà visibili i semi , per poi farli fuoriuscire. Per questo motivo raccogliendoli prima che cadranno a terra, evitiamo anche una ricca auto inseminazione. Una volta rimossi i gambi fioriti farli seccare bene al sole per poi suddividere i semini dalle parti secche.

ATTENZIONE: per i benefici delle piante future,  selezionare sempre le più sane.   

ovuli semi

Semi celosia

Conservare i semi, semplici attenzioni da seguire..

Una volta finita la raccolta, bisognerà trovare un posto ai propri semini, per tenerli e conservarli durante il lungo inverno.

Una volta eseguite tutte queste operazioni, avendo tutti semini puliti e pronti, bisogna trovare una bustina dove metterli. Molti consigliano una bustina di carta, che se avete potete usare. Anche le bustine di plastica con le zip si possono usare, l’importante è che siano provviste di un  metodo di chiusura. Una cosa fondamentale da ricordare è quella di non imbustare mai semi non maturi o bagnati, molto probabilmente marciranno.

Appena le bustine saranno pronte, inserisci un’ etichetta con il tipo di pianta e la data della raccolta.

Ora sarà semplice prendersi cura dei semini durante l’inverno, bisognerà trovare un posto buio e temperato della casa, evitando sbalzi climatici. La stanza o il ripostiglio non deve essere umido.

Bene!

Ora come me,ogni anno vi troverete alle prese con centinaia di semini, in primavera basterà spargerli sul terreno per moltiplicare le piante che ci piacciono, oppure divertivi con le serre già da metà gennaio per avere piantine sane.

You may also like...