Fiordaliso, semina e coltivazione.

Il Fiordaliso, conosciuto anche come Centaura, è apprezzato soprattuto per l’eleganza del suo fiore dal colore blu, violetto. Vediamo come coltivare e seminare questa pianta.

Il fiordaliso è una pianta erbacea perenne originaria dell’Europa del nord, America e dell’Asia. Il nome scientifico è  Centaurea cyanus ed appartiene alla famiglia delle Asteracee.

Il Fiordaliso è una pianta davvero elegante, dal fusto eretto con foglie dalla forma allungata di colore verdastro/grigiastro. A colpire sono soprattutto i suoi fiori che nascono all’estremità dei fusti, la corolla dal portamento elegante ha comunemente un colore blu-violetto, ma ci sono anche altre tonalità. Alcune specie infatti, hanno colori bianco, rosa, rosso e giallo. L’altezza varia dai 20 ai 90 cm.

E’ una pianta tipica delle zone temperate, infatti dove il clima è favorevole il Fiordaliso, cresce spontaneamente ovunque; nei campi, ai cigli della strada e nei prati. Per questo motivo viene anche chiamato, fiore di campo.

Oltre ad essere elegante, la centaura è anche apprezzata per il modo in cui riesce ad adattarsi alle temperature più fredde di quelle che ama. E’ una pianta coltivabile nel nostro paese sia in vaso che in giardino. Vediamo come seminare il Fiordaliso e prendersene cura.

Come e quando seminare.

I semi di Fiordaliso si possono acquistare online, oppure si possono recuperare dalle nostre piante. A fine estate, verso Settembre – Ottobre, potremmo ricavare i semi dall’interno dell’ovuli dei fiori secchi, facendoli fuoriuscire. Seminarli sarà semplice e daranno vita a nuove piantine pronte a colorare i nostri spazi verdi.

Semina all’apertoMarzo-Aprile-Maggio

La semina della centaura o Fiordaliso è preferibile effettuarla all’aperto, durante la primavera e quando il rischio di gelate notturne è ormai scongiurato. E’ per lo più consigliato seminarlo direttamente nei vasi, oppure nello spazio del giardino dove vogliamo far crescere le nostre piantine. Il Fiordaliso non ama il trapianto, che potrebbero disturbare la sua crescita.

Dobbiamo soltanto lavorare un pò il terreno, smuovendo il substrato. Se possibile posizionare cocci o ghiaia sul fondo per far defluire meglio l’acqua. Infine aggiungere alla terra un buon terriccio morbido per la semina. Mescolare, compattare e seminare. Coprire i semi con un leggero strato di terra. Annaffiare.

Acquista semi di Fiordaliso sul blog.

SEMI DI FIORDALISO

Prendersi cura del Fiordaliso.

Le piantine di Fiordaliso cresceranno in fretta. Durante il periodo vegetativo, quindi da Aprile a fine Maggio, il Fiordaliso richiede un irrigazione costante. Annaffiare 3 o 4 volte alla settimana.

Aumentare la frequenza d’estate.

Testare sempre il terreno con un dito annaffiandolo ogni tal volta lo troviamo asciutto. Sarà importante evitare che la terra rimanga secca per troppo tempo, ma allo stesso modo, evitare ristagni idrici e terreni sempre umidi, che possono essere la causa delle malattie fungine. Anche se il Fiordaliso è una pianta robusta, in caso di forte umidità è soggetta ad attacchi di Oidio.

Leggi: Oidio cos’è, prevenzione e rimedi.

Dovremmo posizionare le nostre piantine in luoghi per lo più soleggiati per almeno 5-6 ore al giorno, magari al riparo dal sole nelle ore più torride delle giornate estive.

Il Fiordaliso è capace di regalarci stupende e molteplici fioriture, da Giugno fino ad Ottobre. Per stimolare ciò, sarà importante rimuovere i fiori secchi dalla pianta.

E’ un erbacea forte, che con un clima favorevole riesce a sopravvivere anche all’inverno. Nei luoghi dove il clima invernale è molto freddo e ventoso, sarà meglio metterlo al riparo.

Il Fiordaliso o centaura, comunque, si può coltivare come annuale. Da Settembre ad Ottobre potremmo recuperare i fiori completamente secchi sulla pianta ed estrarre i semi, facendo una leggera pressione sull’ovulo del fiore. In questo modo potremmo moltiplicare ogni anno, a primavera, le piantine di Fiordaliso.

Leggi anche: Celosia cresta gallo, coltivazione e semina.

You may also like...