Cure ed attenzioni per le erbacee perenni

Varietà GiardinaggioLeave a Comment on Cure ed attenzioni per le erbacee perenni

Cure ed attenzioni per le erbacee perenni

Le erbacee perenni sono tra le piante più presenti e da noi coltivate, vista la grande varietà di specie, la loro lunga vita e resistenza di coltivazione. Ma se cure ed attenzioni vengono a mancare, anche loro potrebbero soffrire.

Per erbacee si intendono tutte quelle piante dal portamento erbaceo appunto, dai fusti teneri e ramificazioni tendenzialmente sottili. Molte di queste specie sono perenni, cioè compiono un ciclo vitale che si ripete anno dopo anno, alcune se tenute con attenzione e curate a dovere nei periodo giusti, riescono a vivere molto a lungo. Per intenderci meglio sulle piante erbacee perenni ne elenchiamo alcune: Papaveri ornamentali, Dicentra spectabilis, Verbena, Echinacea, Helleboro, Convolvulus, Phlomis, Hemerocallis, anche Gerani ed Ortensie rientrano in questo gruppo di piante. Procedendo con prossimo paragrafo, vedremo insieme qualche consiglio su attenzioni e cure che esigono queste colture; le erbacee perenni che colorano il nostro esterno.

Le cure e le attenzioni per le erbacee perenni.

Un’accortezza su tutte riguarda soprattutto le piante che vivono in piena terra; attenzione a lumache e le limacce pronte a divorare la vegetazione ancora tenera. Per loro natura, preferiscono nutrirsi di sera o la mattina presto, quando c’è più umidità ed il sole non rischia di disidratarle ed il periodo più propizio per uscire dai loro ricoveri è la primavera. Nonostante prediligono la maggior parte delle erbacee e non solo, le loro preferite sono le Hosta. Per combattere questi animali, potreste provare con i classici rimedi: formate un cordone sanitario con cenere, gusci d’uova, birra oppure con l’anti-lumache granulare. Fate però attenzione all’anti-lumache, se proprio volete ricorrere a questa soluzione, scegliete quello a base di fosfato ferrico, quest’ultimo non è pericoloso né per l’uomo e né per gli animali domestici.

Le erbacee perenni sono piante che durante la stagione vegetativa, tendono a crescere e svilupparsi rapidamente, a volte in modo molto disordinato. Non esitate ad eseguire tagli mirati per alleggerire e migliorare l’aspetto delle piante, rimuovendo i rami disordinati e mal conciati. Un consiglio: dopo i tagli effettuati con cesoie disinfettate, irrorate un pò di popoli, utile per favorire la cicatrizzazione dei tagli. Ricordate di mettere un tutore alle erbacee che crescono in altezza e molto velocemente.

Alcune piante perenni, come ad esempio i papaveri e Dicentra spectabilis, sono estremamente sensibili ai marciumi del colletto. Questo avviene sopratutto a seguito di una primavera piovosa o irrigazioni eccessive sempre nel medesimo periodo. In caso di piogge insistenti ed in caso avete già avuto problemi fungini di questo genere, irrorate le specie più a rischio con ossicloruro di rame rispettando i dosaggi delle confezioni.

Le erbacee di un laghetto

Per chi possiede un laghetto in giardino, sicuramente lo scenario sarà avvolto da erbacee vigorose e in questo periodo in pieno rigoglio, forse anche troppo. Anche qui le piante non temono sicuramente qualche ritocco in fase di potatura per aggiustare i rami fuori posto e troppo vigorosi, diradando anche i rizomi cresciuti troppo fitti. Nel laghetto il nemico più presente e puntuale sono gli afidi neri. Le erbacee perenni acquatiche, se colpite dal getto d’acqua che ricade sulle foglie e sui germogli infetti dagli afidi, se ne libereranno facilmente. Cadranno inevitabilmente in acqua e diventeranno cibo per pesci. In questo periodo, fino al termine di maggio, siete ancora in tempo ad eseguire piantagioni acquatiche come ninfee, giacinti d’acqua ecc.

Se hai domande, scrivila sotto!

Commenta, fai la tua domanda qui

Back To Top