0 Comments

La Dracena è una pianta molto apprezzata per via della semplice coltivazione in quanto poco esigente. A completare il quadro degli apprezzamenti per questa pianta ci sono le foglie, simili a quelle delle palme, numerose, consistenti e dalla forma allungata; di un colore glauco con striature avorio e possono raggiungere un considerevole sviluppo. Le Dracene sono arbusti coltivati all’interno, le Dracaena Fragrans e Dracaena Deremensis sono meglio conosciute in Italia anche con il nome: Tronchetto della felicità. Tra queste non possiamo comunqnue dimenticare le specie: Dracena Marginata o del Madagascar e la Dracena Reflexa o Pleomele che hanno le medesime esigenze delle due più commercializzate.

Che differenza c’è con la Yucca? La Yucca si distingue dalla Dracena dalle foglie. Quelle della Dracena sono morbide, flessibili e ricurve verso il basso, mentre quelle della Yucca sono più appuntite ed erette, nonché taglienti.

Risolvere problemi di coltivazione della Dracena:

Le foglie della Dracena appaiono flosce? Potrebbe trattarsi di troppa acqua e quindi facciamo attenzione che non sia già presente del marciume radicale. Anche in mancanza d’acqua le foglie possono afflosciare, in caso procedere con un’abbondante annaffiatura. Quando l’acqua è troppa, evitare di bagnare la pianta ulteriormente ed attendere che il terreno asciughi completamente. Se la situazione è in fase avanzata, difficilmente il danno sarà riparabile.

Le foglie con la punta marrone possono essere la causa di freddo, come ad esempio una posizione dove penetra aria fredda da una finestra o porta. Queste piante tropicali temono queste temperature ed in caso le foglie, tenderanno anche a cadere nella parte bassa del fusto.

Che qualche foglia ingiallisca è normale, soprattutto per le Dracene che hanno alcuni anni. Non preoccuparti finché è un evento sporadico e rimuovi delicatamente la foglia morta.

Coltivazione Dracena

Scheda tecnica Dracena

Esposizione
Ama stare alla luce, ma non al sole diretto. Il posto ideale è vicino ad una finestra che non venga spesso aperta, lontano quindi da spifferi.

Temperatura
La temperatura non deve scendere mai sotto i 12 gradi, si trova bene ad una temperatura che va dai 14 ai 21 gradi.

Acqua e Concime
Nonostante tollera annaffiature irregolari, fare attenzione che l’acqua non manchi troppo a lungo. Annaffia abbondantemente in estate e poco in inverno.

Rinvaso
Si rinvasa ogni tre anni, scegliendo sempre un vaso idoneo alla dimensione della pianta, mantenendo le giuste proporzioni tra l’apparato radicale e la parte aerea.

Pulizia
Pulire le foglie con un panno umido e rimuovere quelle vecchie e ingiallite.

Dove Acquistarla
Guarda qui

Share: Facebook Pinterest Linkedin Tweet
Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi Anche

Talea di Rosmarino? Ecco tutti i passaggi per farle con successo.
Ti piacerebbe fare talee di rosmarino ed avere una pianta nuova ogni anno? Segui questo
Filodendro
Il Filodendro (Philodendron) fa parte della famiglia delle Aracee, specie originarie delle regioni tropicali dell’America,
Vacanze in arrivo? Ecco come annaffiare le piante per non farle morire.
Le vacanze sono vicine, si progettano viaggi e si cercano soluzione per mantenere le piante